it hr de si
Labinci 103CINDICAZIONI STRADALI
52464 Castellier
Istria - CROAZIA
T: +39 339 653 6125 ● E: info@dentabel.it
facebook google plus tweeter youtube

La pulizia interdentale: nuovi metodi in aggiunta al filo interdentale

Pubblicato il 28.12.2016.

Il passaggio fondamentale di una corretta pulizia dei denti è la pulizia degli spazi interdentali, che andrebbe svolta quotidianamente. Infatti, lo spazzolino da denti non svolge un'adeguata pulizia di queste aree. Per ovviare a tale problema vi sono diversi strumenti che svolgono la pulizia interdentale in modo diverso. Vediamo quali sono le loro caratteristiche:

Il filo interdentale

Si tratta di un filo di plastica, nylon o a volte seta che viene utilizzato facendolo scorrere all’interno dello spazio interdentale passando sulla superficie dei denti fino alla gengiva. L’utilizzo del filo interdentale è abbastanza semplice, e dopo pochi tentativi diventa automatico, a meno che la persona non abbia problemi di tipo motorio.

Le flossette

Sono uno strumento che combina il filo interdentale ad un manico - rendendolo in questo modo molto più semplice da utilizzare. Il manico presenta in cima una diramazione a U, sulla cui sommità è teso il filo interdentale. 

Lo scovolino

Si tratta di uno strumento composto da uno spazzolino sottile che si monta su un manico. In questo modo lo scovolino può venir impugnato con sicurezza e, similmente al filo interdentale, si fa scorrere tra i denti per pulire lo spazio interdentale.

Stick dentali

Si tratta di bastoncini in legno, simili agli stuzzicadenti, ma con un lato piatto (quello da rivolgere verso la gengiva), che vengono fatti scorrere all’interno dello spazio interdentale. Esistono stick di dimensioni diverse e alcuni sono impregnati di fluoro per aumentarne l’effetto anti carie. 

L’idropropulsore

E’ uno strumento che produce un getto d’acqua a pressione regolabile che viene utilizzato per pulire lo spazio interdentale, il solco gengivale ma anche la superficie dei denti. Questo strumento è più complesso da utilizzare in quanto il getto va regolato a seconda della zona e delle caratteristiche individuali e vi sono rischi di lesioni alle gengive. E’ invece molto pratico per chi ha l'apparecchio ortodontico o protesi fisse. 

Qualsiasi strumento scegliate è bene imparare ad utilizzarlo correttamente per non causare danni alle gengive. Chiedete al dentista quale strumento è più adatto a voi e come utilizzarlo correttamente. E ricordatevi, il tris della corretta igiene orale sono spazzolino, colluttorio e un qualsiasi metodo per la pulizia interdentale.

comments powered by Disqus

Richiedi un preventivo oppure chiamaci al 339 653 61 25

OPINIONI DEI PAZIENTI

Antonietta, Udine

Rosaria, Bologna

Franca B.

Tutto è andato meglio di quello che pensavo. Il lavoro è stato ottimo. Sono stata contenta, come del resto la mia famiglia che è stata curata...

Elisa Ruscio (Mi)

Maurizio, Bologna

Dario L.

Arturo L., Cesena

Massimo, Udine

Tutte le testimonianze

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI

Blog - 28.01.2014.

Otturazioni in composito

Iscriviti alla Newsletter!

*Campi obbligatori

TROVACI SU FACEBOOK